Piorrea

Con il termine piorrea si indica il complesso di patologie ad eziologia batterica che colpiscono a vario grado gli elementi che del parodonto ovvero: gengive, legamento parodontale ed osso alveolare.

parodontite avanzataIl parodonto, nel suo insieme, tiene i denti saldi all’interno degli alveoli delle ossa mascellari (mandibola e mascella) ma se questo è compromesso lo sono anche i denti a tal punto che la piorrea può essere tranquillamente definita come la causa principale della perdita prematura degli elementi dentali.

La parola piorrea è quella più utilizzata nel parlare comune mentre nell’ambito della parodontologia, la branca dell’odontoiatria che si occupa appunto della salute del complesso parodontale, tale parola è stata definitivamente soppiantata dal sostantivo parodontite che meglio si relazione ed individua il parodonto come zona interessata dalla patologia e dalle terapie per debellarle.

Si calcola che al mondo, circa il 60% della popolazione (dei Paesi industrializzati) soffra di piorrea a partire dai 50 anni anche se è presente una forma molto aggressiva che colpisce i bambini ed i giovani.

Cause della piorrea

La piorrea è formata da diverse concause di cui la principale è la cattiva igiene orale domiciliare infatti, a seguito dell’insufficiente spazzolamento dei denti e del mancato utilizzo quotidiano del filo interdentale, la placca aderisce alle superfici dei denti e penetra all’interno del solco gengivale.

Mantenendo abitudini igieniche scorrette, i batteri presenti nella placca adesa ai denti ed al di sotto delle gengive producono acidi e tossine che infiammano le gengive. Se la causa dell’infiammazione non viene rimossa, l’infiammazione diventa cronica e si instaura la piorrea.

Non è finita qui, i microrganismi patogeni “scavano” all’interno delle gengive e formano le cosiddette tasche gengivali che si formano tra il dente ed il tessuto molle.

A questo punto le gengive non si presentano più toniche, perfettamente attaccate ai denti e dal colorito rosaceo; bensì sono rosse, gonfie e staccate dal dente. E’ frequente anche la recessione gengivale che lascia scoperto parte del cemento radicolare e quindi espone l’elemento dentale al rischio carie.

Piorrea: sintomi

La piorrea è una malattia silente e quasi asintomatica per cui il soggetto colpito può anche non avvertire alcun disagio o dolore (si parla di dolore da mal di denti) fino a quando le tasche non abbiano raggiunto una profondità tale da permettere all’infezione di arrivare fino all’osso e di provocarne il riassorbimento lasciando la radice dei denti priva di supporto.

A questo punto la piorrea diventa sintomatica ovvero il soggetto si accorge che qualcosa non va poiché i denti cominciano ad avere un’eccessiva mobilità soprattutto quando devono fronteggiare i carichi masticatori.

Allo stadio più avanzato la piorrea presenta i seguenti sintomi:

  • gengive arrossate;
  • Infiammazione gengivale;
  • Tartaro giallo o marrone sedimentato alla base dei denti e sotto-gengivale (tartaro nero);
  • Pus all’interno delle tasche gengivali e tessuto necrotico di cui fa parte anche un sottilissimo;
  • Strato di cemento radicolare rammollito dalla malattia;
  • Estrema mobilita dentale.

Sintomi della piorrea

Nella fase iniziale la piorrea ha sintomi sovrapponibili a quelli della classica gengivite anche perché, lo ribadiamo, la piorrea non è altro che lo stadio successivo della gengivite.

Per non rimanere nel vago, i principali sintomi della piorrea o gli elementi che fanno presupporre la presenza della malattia parodontale sono:

  • sanguinamento delle gengive (spontaneo od a seguito di stimoli come lo spazzolamento dei denti);
  • presenza di tartaro soprattutto in posizione interdentale (classica prova di cattiva igiene orale);
  • Alitosi cronica innescata dai gas che si sprigionano dal tartaro;
  • denti che si muovono
  • In determinati ambiti è possibile la formazione di ascesso dentale;

Questi campanelli di allarme non devo essere sottovalutati ed in presenza di tali sintomi o solo alcuni di essi, è bene recarsi dal dentista per una visita al fine di prevenire la perdita di uno o più denti e di dover ricorrere anzitempo alla protesi mobile o alle soluzioni offerte dall’implantologia.

Diagnosi

Autodiagnosi della piorrea

In presenza dei sintomi elencati nel paragrafo precedente, il soggetto colpito deve subito richiedere una visita e non lasciar correre, come spesso accade, per la mancanza di dolore.

Diagnosi del dentista

Un dentista che si possa definire tale si accorge immediatamente della presenza di gengivite oppure della già avvenuta trasformazione di quest’ultima in piorrea.

Per una diagnosi accurata e scrupolosa il medico rimanderà il paziente ad una visita parodontale in cui il parodontologo effettuerà il sondaggio delle tasche e la compilazione della cartella parodontale (detta anche charting). Solo dopo tale specifica visita è possibile avere un quadro complessivo della gravità a cui è arrivata piorrea nella bocca del paziente e preventivare la terapia più adatta a risolvere il caso in esame.

Terapie

La moderna parodontologia offre oggi differenti terapia attuabili per debellare definitivamente la piorrea e la scelta di una piuttosto che di un’altra dipende essenzialmente dal grado di aggressione della malattia e dei tessuti colpiti. A tale proposito abbiamo preparato un articolo dal titolo “curare la piorrea” che descrive nel dettaglio le differenti cure possibili.

Oltre alle classiche e più che collaudate terapie esiste anche la possibilità di utilizzare il laser per la cura della piorrea.

Mantenimento dei risultati

Una volta debellata la malattia, non si è immuni per sempre dalla sua ricomparsa, i risultati raggiunti con fatica, dolore/disagio, tempo e, soprattutto soldi, detti risultati vanno mantenuti quindi il paziente deve assolutamente cambiare il modo di prendersi cura dei propri denti e delle gengive.

In altre parole, deve imparare a spazzolare i denti correttamente e ad utilizzare il filo interdentale quotidianamente. A queste buoni abitudine si devono aggiungere le sedute di igiene orale professionale a cui sottoporsi annualmente (ma sarebbe più consigliato farle con maggiore frequenza).

Conclusioni

Oggi, al contrario di pochi anni fa, dalla piorrea, si può guarire definitivamente a patto che la malattia sia presa in tempo e non all’ultimo momento quando i denti sono completamente ricoperti di tartaro e totalmente mobili all’interno dell’alveolo. In questi casi estremi il dentista può solo procedere con l’estrazione del dente o dei denti colpiti che comunque sarebbero espulsi in maniera naturale.