Implantologia tecniche

chirurgia-oraleL’utilizzo dell’ implantologia dentale ha lo scopo di sostituire gli elementi dentali persi attraverso l’impiego di presidi chirurgici che suppliscono alla mancanza delle radici naturali dei denti.
Esistono differenti tecniche implantologiche per posizionare le viti in titanio; la più utilizzata è chiamata implantologia endossea poichè i presidi chirugici utilizzati sono inseriti all’interno dell’osso e formano un tutt’uno con mascella o mandibola.
Tra le tecniche più all’avanguardia, ricordiamo: implantologia a carico immediato, implantologia computer assistita e quella transmucosa.

Implantologia a carico immediato con poco osso: le alternative all’innesto osseo.

sinus-lift-procedure2Alternative all’innesto osseo

Per evitare il più possibile i tradizionali protocolli chirurgici che prevedono tecniche invasive di ricostruzione, come il rialzo del seno mascellare e gli innesti ossei, nel corso degli ultimi anni gli studi sull’Implantologia si sono concentrati nel ricercare terapie rapide, semplici ed affidabili per risolvere casi complessi dove la quantità di osso residuo a disposizione per gli impianti dentali  è insufficiente (poco osso).

Ad incalzare la ricerca di valide alternative ai lunghi, laboriosi e costosi interventi di ricostruzione e rigenerazione ossea, hanno contribuito inoltre le nuove richieste dei pazienti che desiderano riabilitazioni sempre più rapide e tendono a rifiutare terapie invasive o troppo lunghe.

Le alternative all’innesto osseo nei casi di pazienti con poco osso prevedono impianti corti, impianti inclinati, impianti pterigoidei e zigomatici. Queste soluzioni chirurgiche a carico immediato offrono tempi rapidi di riabilitazione.

Implantologia con Impianti corti

mini-impianti-dentaliSi definiscono impianti corti quelli di lunghezza non superiore agli 8,5 mm. La quantità di tessuto osseo per potere inserire un impianto corto può però ritenersi sufficiente già a soli 5-6 mm.

Le indicazioni per il posizionamento di un impianto corto riguardano soprattutto i casi con poco osso dove vi sia atrofia ossea verticale (ossia una limitata altezza dell’osso residuo)Implantologia a caricll’innesto osseo.

Qualora le condizioni del caso lo prevedano, rimane in linea generale valida l’indicazione di ricorrere ad un impianto corto per evitare al paziente interventi più complessi, quali il rialzo del seno mascellare o la ricostruzione ossea mandibolare con innesti o tecniche rigenerative.

Hai Poco Osso?  Non vuoi sottoporti ad innesti o a rialzi del seno mascellare? Alternative all’innesto osseo:

1 Tecnica “IMPIANTI TRASVERSALI O INCLINATI

2 Tecnica “IMPLANTOLOGIA ZIGOMATICA O IMPIANTI ZIGOMATICI

TECNICHE DI IMPLANTOLOGIA DENTALE – APPROFONDIMENTO

1 Implantologia a carico immediato

2 Implantologia all on 4

3 Implantologia Transmucosa

4 Implantologia computer guidata

5 Implantologia elettrosaldata

6 Implantologia impianti corti