Impianti dentali per protesi fissa

By | ottobre 30, 2015

differenza-ponte-circolare-protesi-fissa-su-impianti-arcata-supGli impianti dentali per protesi fissa sono impiegati per riabilitare completamente l’arcata dentaria (o entrambe le arcate); ad essi è possibile assicurare una protesi fissa con flangia rosa che simula la gengiva e sulla quale sono fissati i denti protesici oppure un ponte circolare completo senza flangia (i denti protesici escono direttamente dalle gengive naturali del paziente).

Inserimento impianti dentali per protesi fissa

In base allo studio della panoramica dentale che permette all’implantologo di verificare la quantità e qualità di osso presente nei mascellari, è possibile arrivare a collocare la protesi fissa su impianti dentali attraverso le seguenti procedure:

A carico differito con protesi mobile temporanea

Difronte a scarsa quantità o qualità di osso che non consente il carico immediato, il dentista procede con la tecnica implantologica che prevede due interventi: il primo per incidere le gengive a mezzo bisturi, collocare gli impianti che rimarranno sommersi (sotto la gengiva) per tutto il tempo della loro osteointegrazione e la sutura dei lembi creati.

Dopo il primo intervento, al paziente è consegnata una protesi mobile (la classica dentiera) che utilizzerà fino a quando gli impianti dentali non saranno ben integrati nei mascellari.

Il secondo intervento chirurgico prevede una nuova incisione delle gengive per scoprire gli impianti dentali e connettere a questi ultimi la protesi fissa.

A carico immediato con protesi fissa provvisoria montata subito sugli impianti

Secondo l’implantologia moderna, il metodo più avanzato per l’inserimento degli impianti dentali endossei scaturisce dall’utilizzo dell’implantologia computer assistita congiuntamente a quella transmucosa per realizzare il carico immediato.

In breve, dopo la Tomografia Computerizzata tridimensionale (o DENTALSCAN), e la ricostruzione al computer delle ossa mascellari del paziente, il dentista, attraverso uno speciale software, procede con la simulazione dell’intervento per il posizionamento degli impianti dentali per la protesi fissa e spedisce tutti i dati alla casa madre che provvederà a realizzare la dima chirurgica con la guida della quale effettuerà l’intervento di chirurgia implantare vero e proprio.

Se il caso in esame lo permette, le gengive del paziente non dovranno essere incise con il bisturi poiché potranno essere perforate, in modo assolutamente indolore, in un’unica volta insieme all’osso; questa tecnica sta alla base dell’implantologia transmucosa.

Una volta terminato l’inserimento degli impianti e dei monconi o abutment, è la volta della connessione tra questi ultimi e la protesi fissa provvisoria che avrà l’importante compito di permettere la completa guarigione dei tessuti gengivali nella posizione corretta, permettere l’osteointegrazione degli impianti senza lasciare il paziente privo di denti, viene quindi ripristinata immediatamente sia la funzione masticatoria che quella estetica.

La protesi fissa provvisoria è importante anche perché permette al paziente di valutare in anticipo quello che sarà il lavoro definitivo, stiamo parlando della forma, dimensione e del colore dei denti. Ultimamente è molto di moda scegliere denti bianchissimi ma non poche persone, dopo aver visto il bianco “sparato”, stile Hollywood, del provvisorio hanno optato per un colore meno intenso per il definitivo,.

Terminato il periodo di osteointegrazione (circa 3 o 4 mesi per la mandibola e 5 o 6 mesi per la mascella), il paziente viene richiamato in studio per sostituire la protesi temporanea con la protesi fissa definitiva su impianti dentali già osteointegrati.

Le successive visite di controllo serviranno per accertare la corretta collocazione della nuova protesi fissa nonché per, eventualmente, apportare piccoli aggiustamenti in modo che la stessa calzi a pennello e non crei problemi ne per quanto riguarda la corretta occlusione ne per la fonazione.

Quando il medico prevede l’utilizzo di soli 4 impianti dentali per la protesi fissa ed il carico immediato, siamo nell’ambito dell’implantologia ALL ON 4 (tutto su 4 impianti) ovvero la procedura implantologica che permette la riabilitazione protesica di un’intera arcata utilizzando il carico immediato su solo 4 impianti dentali inseriti in punti ben precisi dell’osso mascellare.

Ribasatura della protesi fissa

Dopo il posizionamento sugli impianti della protesi fissa e con il passare del tempo, le gengive e l’osso tendono al riassorbimento che, in alcuni casi, è molto marcato mentre in altri risulta impercettibile. Allo scopo di assicurare al paziente il miglior confort possibile durante la masticazione e la fonazione, il dentista effettua ispezioni periodiche per stabilire se la protesi fissa debba subire un ribasatura o meno.

Effettuare la ribasatura della protesi vuol dire migliorare il contatto che c’è tra la flangia di resina rosa e i tessuti gengivali sottostanti.

Ribasare la protesi vuol dire migliorare il contatto che c’è tra la flangia di resina rosa e i tessuti gengivali sottostanti.

Comportamenti post intervento

Nell’immediato post intervento durante il quale il dentista ha provveduto alla collocazione della protesi fissa provvisoria, il paziente deve avere l’accortezza di seguire una dieta in cui siano banditi cibi eccessivamente duri almeno per i primi due mesi (stiamo parlando di non sgranocchiare le ossa-costolette, non mordere il ghiaccio od il torrone etc.).

Dopo un periodo relativamente lungo senza denti, il paziente potrebbe riscontrare problemi di lieve entità come mordersi il labbro o le guance durante la masticazione o la fonazione. Tutti questi inconvenienti sono transitori e scompaiono non appena la bocca si sarà adattata ai nuovi denti.

Nonostante non si abbia denti veri in bocca, l’igiene orale domiciliare deve essere sempre rispettata poiché è necessario preservare i tessuti gengivale per scongiurare gengiviti e infiammazioni dei tessuti che stanno accanto agli impianti dentali (mucosite perimplantare). La pulizia della protesi fissa deve essere eseguita quotidianamente.

Ogni 3 o 6 mesi è necessario recarsi dal dentista che provvederà a smontare dagli impianti la protesi fissa, a ripulirla dai detriti di cibo rimasti incastrati ed a riposizionarla.

Alternative alla protesi fissa su impianti

Oltre alla protesi dentaria fissa esistono valide alternative per risolvere il problema della mancanza totale di denti. Una soluzione più costosa è rappresentata dal ponte circolare completo su impianti dentali che è caratterizzato dalla mancanza della gengiva finta ed i denti finti escono direttamente dalle gengive naturali del paziente.

Oltre alla mancanza di flangia, i ponte circolare è costruito con materiali più pregiati e con resa estetica maggiore.

L’alternativa più economica consiste, invece, nell’inserimento di impianti dentali per protesi fissa ancorata ad una barra; questa soluzione è chiamata overdenture. In breve, consiste in una protesi dentale removibile poiché il paziente ha la possibilità di toglierla, effettuare l’igiene orale domiciliare e riposizionarla ancorandola nuovamente agli impianti dentali che hanno il preciso compito di stabilizzarla.